Seleziona una pagina
Condividi

Gamma solo elettrica entro il 2030, vendita esclusivamente online con prezzi “uguali e trasparenti”, e una nuova rete di ricarica nazionale aperta a tutti, non solo ai propri clienti: Volvo dà una decisa accelerata alla transizione verso una mobilità più sostenibile, e come accaduto già in passato decide di mettere progetti e strumenti a disposizione di tutti in un’ottica di condivisione.

Dopo avere annunciato il traguardo elettrico (e la nuova C40, prima auto concepita per essere esclusivamente a zero emissioni), la casa svedese ha svelato anche un progetto tutto italiano ribattezzato Volvo Recharge Highways, un piano ambizioso che prevede l’installazione di oltre 30 stazioni di ricarica veloce da 175 kW presso altrettante concessionarie Volvo e in prossimità di altrettante uscite della principali autostrade italiane. Obiettivo, dotare delle infrastrutture necessarie i principali assi autostradali italiani e “aiutare gli automobilisti, tutti, a viaggiare senza l’ansia da ricarica”, come confermato anche da Michee Crisci, presidente di Volvo Car Italia.

Le stazioni di ricarica, prodotte da Delta, saranno infatti marchiate Volvo, ma potranno essere utilizzate per qualsiasi auto elettrica e potranno ricaricare due vetture simultaneamente all’80 per cento della capacità in poco più di 30 minuti. Per i clienti della casa svedese, però, c’è un plus, una app sviluppata da Plugsurfing contenente tutte le informazioni di servizio utili, compresa la mappa delle stazioni di ricarica nonché i servizi di fatturazione, e l’assistenza da parte di Green Flux.

Volvo, 30 stazioni di ricarica rapida in tutta Italia, aperte a tutti

Milano, a Porta Nuova una futuristica “stazione fast-charging”

Il completamento della posa delle prime 25 è previsto entro la fine dell’estate 2021, ma prima di allora un altro obiettivo è fissato: quello di installare nel cuore di Milano, nel quartiere Porta Nuova a pochi passi dal Volvo Studio, la prima stazione di fast charging del centro del capoluogo lombardo. A lavorarci oltre a Volvo anche Coima, società che si occupa di investimenti immobiliari e urbanistica.

La stazione di ricarica di Porta Nuova sarà, anche visivamente, un esempio avanzato di arredo urbano sostenibile e – come spiegato da Volvo stessa – costituisce il primo passo di un progetto più ampio che prevede l’installazione di oltre 50 punti di ricarica da 22 kW a marchio Volvo nei parcheggi e nei garage residenziali. L’obiettivo è, di fatto, quello di elettrificare l’intero distretto.

“Milano è pronta ad accogliere la prima stazione cittadina di fast charge di Volvo – ha detto soddisfatto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala – Lo consideriamo il primo passo di una consistente trasformazione infrastrutturale che porterà, nel giro di qualche anno, a dotare la città di un numero significativo di stazioni di ricarica. Siamo sulla buona strada. Le auto totalmente elettriche e i modelli ibridi piacciono sempre di più ai milanesi e sono diventate ormai il top di gamma di molte case automobilistiche che – come Volvo – hanno investito sulla mobilità sostenibile. A Milano ci crediamo e lavoriamo affinché gradualmente si possa realizzare il ricambio del parco auto privato verso motorizzazioni green. Così stiamo facendo con gli autobus del trasporto pubblico locale che entro il 2030 saranno tutti elettrici”.

“Il progetto Volvo Recharge Highways e l’installazione della prima stazione di fast charge nel cuore della Milano più avanzata sono iniziative senza precedenti – ha aggiunto Crisci – Non vogliamo certo sostituirci a chi è preposto a realizzare infrastrutture, vogliamo solo sensibilizzare i clienti sulla opportunità di passare alla mobilità elettrica dando il nostro contributo per renderla davvero possibile e agevole sul territorio nazionale. Ci piace pensare che grazie a Volvo Recharge Highways un proprietario di un’auto elettrica di qualsiasi marca può tranquillamente viaggiare sapendo di poter contare su punti di ricarica ad alta efficienza e dislocati in maniera conveniente per ridurre al minimo i tempi di sosta”.


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi