Seleziona una pagina
Condividi

(Adnkronos)

Tra le dosi di Moderna, Pfizer e quelle di AstraZeneca ”dovremmo avere a fine marzo 15 milioni di dosi” di vaccino contro il coronavirus. Lo ha detto, a quanto si apprende, il commissario straordinario all’emergenza coronavirus Domenico Arcuri nel corso del vertice con le Regioni e il ministro della Salute Roberto Speranza, convocato dal ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia.

Leggi anche

”Se il vaccino AstraZeneca sarà approvato dall’Ema avremo 3,4 milioni di dosi entro fine marzo e non le 8 milioni di dosi assicurate in precedenza”, ha spiegato Arcuri. Se il vaccino di AstraZeneca otterrà l’approvazione dell’Ema e dell’Aifa la prima consegna delle dosi è prevista per il 15 febbraio. Le altre due date pattuite sono il 28 febbraio e il 15 marzo.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha espresso preoccupazione per la consegna di un numero inferiore di dosi rispetto agli accordi. ”Lunedì l’Avvocatura dello Stato avrà terminato gli approfondimenti e potremo procedere contro Pfizer sui canali già condivisi, quindi con la diffida per inadempimento sul territorio nazionale; un esposto per potenziale danno alla salute presso una procura italiana e la richiesta al foro di Bruxelles per inadempimento per conto del governo italiano e delle Regioni”, ha detto Arcuri.



Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi