Seleziona una pagina
Condividi

(ANSA) – L’AQUILA, 19 GEN – Con un profilo falso e foto in
bella mostra, apparso sul social media Facebook, si richiedevano
i dati personali ai contatti per vincere un premio da 500 euro.
    Vittima della truffa è il chirurgo estetico di Villa Letizia,
Paolo Vittorini, che ha subito un furto di identità scoperto
dalle stesse pazienti, verso le quali veniva tentato il raggiro.
    Ai follower del medico (circa 10mila tra i diversi social
media), noto nell’ambiente della chirurgia estetica come “Magic
Doc”, è stato recapitato privatamente un messaggio per ottenere
i dati anagrafici. In cambio veniva promesso un regalo immediato
in denaro, che qualcuno ha pensato anche di poter spendere in
interventi di chirurgia estetica. Il popolo delle pazienti, come
le api che difendono la regina quando l’alveare è sotto attacco,
ha inviato un così alto numero di segnalazioni al social media
da bloccare il profilo falso, già nelle prime ore della mattina.
    I pazienti, tra loro anche tanti uomini, hanno intuito il
possibile raggiro per la palese differenza di stile tra il
messaggio di richiesta dei dati e il linguaggio del chirurgo. I
followers hanno provveduto a avvertire anche il medico, ignaro
di tutto.
    “Nel cuore della notte sono stato raggiunto da chiamate e
messaggi fino a intasare il telefono”- ha detto Vittorini – “Ero
all’oscuro di tutto perchè non riuscivo a vedere il profilo
falso, ma le mie pazienti, ormai diventate tutte amiche, hanno
fatto una sollevazione di massa in mia difesa per proteggermi e
smascherare i truffatori. Sono stato commosso e orgoglioso
dell’affetto dimostratomi. Per avvertire altre possibili vittime
del raggiro, e rispondere a tutti i messaggi, ho scritto un post
di chiarimento sulla mia pagina. Ma non è la prima volta che
accade, in passato le mie foto sono state messe, a mia insaputa,
su chat di incontri”, in quel caso a denunciare la truffa sono
state le donne infuriate, che all’appuntamento hanno scoperto di
non aver colpito il cuore del “vero Magic Doc”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi