Seleziona una pagina
Condividi

(ANSA) – ANCONA, 17 GEN – “Ricordiamo l’immane tragedia di
Rigopiano, l’enorme valanga di quattro anni fa che causò 29
vittime, e ci stringiamo nel dolore e nel ricordo ai famigliari,
che attendono verità e giustizia. Il 17 e 18 gennaio del 2017
furono giorni drammatici, il terzo atto della sequenza di forti
scosse sismiche che nei mesi precedenti avevano sconvolto il
Centro Italia”. A dirlo è il commissario straordinario alla
ricostruzione post sisma, Giovanni Legnini.
    “Il ricordo dei morti innocenti di Rigopiano, come quelli di
Amatrice, Accumoli e Arquata, deve rappresentare un ammonimento
costante”, aggiunge il commissario. “Sarà la giustizia a
stabilire la verità su Rigopiano, chi ha perso i propri cari e
tutta la comunità ne hanno diritto – sottolinea -. Le
Istituzioni e coloro che le rappresentano hanno comunque il
dovere di evitare che, per responsabilità degli uomini, i
fenomeni naturali si trasformino in tragedie come quelle del
Centro Italia e di tanti altri territori del nostro meraviglioso
Paese. E’ per questo – dice ancora – che abbiamo assunto
l’impegno per una ricostruzione sicura e sostenibile”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi