Seleziona una pagina
Condividi

(ANSA) – MONZA, 25 NOV – Sessantacinque persone, tra cui un
condannato per mafia, sono state denunciate dalla Guardia di
Finanza per aver percepito indebitamente il reddito di
cittadinanza, per un totale di circa 350 mila euro. Le indagini
delle fiamme gialle brianzole sono partite da un controllo
contro le frodi, in collaborazione con l’Inps.
    Dei 65 denunciati, tutti residenti in provincia di Monza (in
particolare tra Seveso e Seregno), di cui sei stranieri, il 35%
รจ risultato colpito da misura cautelare personale e, o in
alternativa, condannato in via definitiva per un reato grave,
nei dieci anni precedenti la richiesta, e quindi non idoneo a
richiedere il sussidio. Tra loro anche un cittadino monzese che
ha ricevuto un contributo di 8 mila euro, nonostante fosse stato
condannato anche per associazione di tipo mafioso, nell’ambito
di un procedimento a carico di un’organizzazione legata
all’Ndrangheta, e condannati per reati sessuali. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi