Seleziona una pagina
Condividi

Una scoperta rivoluzionaria, quella del gioiello più antico mai rinvenuto in Eurasia. Si tratta di un ciondolo d’avorio, risalente a 41.500 anni fa e scoperto nel 2010 nella grotta di Stajnia, in Polonia.

Leggi anche > «Dart», la prima missione della Nasa per salvare il mondo: «Devieremo un asteroide»

Dopo oltre un decennio di studi, pubblicati su Scientific Reports, rivista del gruppo Nature, è stato possibile datare la realizzazione di quel ciondolo e, di fatto, retrodatare di circa duemila anni le prime arti decorative dei primi esemplari di Homo sapiens giunti in Europa. Lo studio multidisciplinare ha coinvolto un gruppo di ricerca guidato dall’Università di Bologna insieme a studiosi dell’Istituto Max Planck per l’Evoluzione Umana (Germania), dall’Università di Wrocław (Polonia) e dall’Istituto di Sistematica ed Evoluzione degli animali dell’Accademia Polacca delle Scienze.

Il ciondolo è decorato da 50 puntini che disegnano una curva circolare irregolare. «Determinare l’età esatta era fondamentale per la sua attribuzione culturale», spiega Sahra Talamo, coordinatrice dello studio e direttrice del laboratorio di radiocarbonio Bravho del Dipartimento di Chimica ‘Giacomo Ciamician’ dell’Università di Bologna. «Questo studio dimostra che utilizzando i più recenti progressi del metodo del radiocarbonio è possibile ridurre al minimo la quantità di materiale da campionare e ottenere ugualmente date molto precise e con un intervallo di errore molto piccolo».

Il ciondolo è stato analizzato anche con metodologie digitali, a partire da scansioni micro-tomografiche dei reperti. La datazione del gioiello, permette ora di ampliare le conoscenze sui tempi di comparsa di questi oggetti in Eurasia. Insieme al ciondolo sono state trovate anche ossa di animali e strumenti di pietra del Paleolitico superiore. Le tracce indicano che la grotta fu occupata sia dai Neandertaliani che dai Sapiens, ma solo per visite sporadiche. Probabilmente è durante una di queste visite che il ciondolo si ruppe e fu abbandonato nella grotta, per la gioia degli archeologi che, oltre 40mila anni più tardi, lo hanno riportato alla luce. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Novembre 2021, 18:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi