Seleziona una pagina
Condividi

(Adnkronos)

Una cosiddetta area “bianca”, nella quale si collocano le Regioni con uno scenario di “tipo 1”, un livello di rischio “basso” e una incidenza dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti. E’ quella istituita dal decreto legge discusso nel Consiglio dei ministri, che ha prorogato lo stato d’emergenza fino al 30 aprile. In area “bianca” non si applicano le misure restrittive previste dai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) per le aree gialle, arancioni e rosse ma le attività si svolgono secondo specifici protocolli. Nelle medesime aree possono comunque essere adottate, con DPCM, specifiche misure restrittive in relazione a determinate attività particolarmente rilevanti dal punto di vista epidemiologico.

Leggi anche



Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi