Seleziona una pagina
Condividi

Nonostante sia arrivato ormai alla sua decima edizione, «MasterChef» non risente quasi per niente dei solitamente inevitabili segni del tempo. Trainato dai giudici Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli, il talent culinario ha dovuto – per forza di cose – rinunciare all’effetto sorpresa, trovando proprio nella forza della sua struttura l’elemento in più per poter andare avanti e appassionare il pubblico. Ma chi sono stati i promossi e i bocciati di quest’anno? Ecco le nostre pagelle.

IL MEGLIO
Max

MasterChef, le pagelle della decima edizione

La sua è stata probabilmente l’eliminazione più ingiusta nella storia di «MasterChef». Max, però, da gran signore quale ha dimostrato di essere nel corso delle puntate, ha saputo incassare senza battere ciglio, ringraziando – con il suo adorabile accento americano – per l’opportunità. E pensare che, solo un paio di puntate prima, era stato l’unico in grado di portare a termine la prova del temutissimo Iginio Massari, che aveva definito il suo dolce come «il più buono che io abbia mai mangiato qui».
Voto: 9

Irene

MasterChef, le pagelle della decima edizione

All’inizio ha colpito per il difficile rapporto che ha raccontato di avere sempre avuto con il cibo. Con il passare delle settimane, però, Irene si è presa il centro della scena con i suoi piatti, brillando in maniera particolare in semifinale, dove ha vinto tre prove su tre (compresa quella nel ristorante stellato di Enrico Bartolini). La sua, insomma, è la classica storia di riscatto personale: classica proprio perché sempre bella da ascoltare.
Voto: 8

Monir

MasterChef, le pagelle della decima edizione

Probabilmente pure lui si è chiesto come abbia fatto ad arrivare alla puntata finale. Perché il più bravo, di sicuro, Monir non lo era. Detto ciò, «MasterChef» prima che una competizione culinaria è una trasmissione televisiva, e, in quest’ottica, il concorrente è stato indubbiamente il mattatore dell’edizione. Schietto e simpatico, ha saputo alleggerire la tensione della gara con la sua genuinità, conquistando il pubblico.
Voto: 7,5

IL “SI POTEVA FARE DI PIÙ”
Aquila

MasterChef, le pagelle della decima edizione

È stato uno dei grandi protagonisti di quest’anno, grazie al carattere spigliato, al montaggio, che ne ha spesso privilegiato i confessionali, e allo «zio bricco», pronunciato a ripetizione e diventato presto cult sui social. A livello culinario, però, Aquila non ha fatto faville, alternando piatti molto buoni ad altri al limite della sufficienza (vedi in semifinale, quando si è salvato semplicemente perché la sua proposta era meno peggio di quella degli sfidanti).
Voto: 6,5

Antonio

MasterChef, le pagelle della decima edizione

Dal livello dei suoi piatti, oltre che dalle volte in cui i compagni di avventura hanno cercato di metterlo in difficoltà, era evidente che Antonio fosse il più preparato di quest’edizione. Come già detto, però, «MasterChef» è anche (e soprattutto) un programma televisivo, e il suo carattere schivo e taciturno non l’ha aiutato a emergere in maniera totale. Come forse avrebbe dovuto e meritato.
Voto: 6,5

Jia Bi

MasterChef, le pagelle della decima edizione

Dai provini sembrava avere tutte le carte in regola per essere la nuova Rachida Karrati. In realtà, nel corso delle settimane, la traduttrice cinese (ma ormai barese d’adozione) ha rivelato – al netto di qualche exploit e di qualche “jai ho” – un carattere molto più pacato di quello dell’ex sarta marocchina. A livello culinario era brava, certamente più brava di Rachida, ma meno di molti dei suoi avversari.
Voto: 6

IL PEGGIO
Eduard

MasterChef, le pagelle della decima edizione

Ha avuto un percorso piuttosto tranquillo, in cui, pur non emergendo in maniera particolare, ha avuto dei guizzi comunque interessanti. Le cose sono poi cambiate nel corso dell’Invention Test di coppia, in cui è emersa la sua tanta – troppa – voglia di restare in gioco. Qui, il concorrente ha fatto lo scaricabarile, addossando su Max, il compagno di prova, tutte su le colpe di un piatto poco riuscito. E non è stato bello.
Voto: 5

Federica

MasterChef, le pagelle della decima edizione

La sua l’eliminazione, arrivata nella penultima puntata, è stata la più attesa dell’edizione. Perlomeno, su Instagram e Twitter, dove Federica non era per niente amata. In effetti, durante tutto il suo percorso, la concorrente non ha eccelso in simpatia (né in empatia, viste le uscite non proprio carinissime contro gli avversari), apparendo sempre troppo focalizzata sul vincere la competizione che sul godersi l’esperienza in sé.
Voto: 4

Irish

MasterChef, le pagelle della decima edizione

È entrato con la spocchia di chi era convinto di arrivare fino alla fine. In realtà, forse anche a causa di quest’atteggiamento troppo sicuro di sé, Irish è stato tra i primi a dover abbandonare la cucina di «MasterChef». A essergli fatale, gli ingredienti killer portati dalle chef Solaika Marrocco e Stella Shi, con cui il 25enne di Borgomanero ha creato un piatto definito dai giudici “immangiabile”.
Voto: 3


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi