Seleziona una pagina
Condividi

(Adnkronos)

La Lombardia si avvia a entrare in zona rossa, con misure e regole più restrittive per quanto riguarda scuola, spostamenti, bar. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a Concorezzo, in provincia di Monza e Brianza, per la presentazione del progetto ‘Smarter Italy’. “Per ora sì”, ha detto a chi gli chiedeva se la Regione entrerà in zona rossa e “le scuole non riaprono. Io sono molto critico. Sono molto cauto nella valutazione dei dati e della situazione, ma credo che la Lombardia non si meriti il rosso“, ha aggiunto alla vigilia dell’adozione del nuovo dpcm, valido a partire dal 16 gennaio.

Leggi anche

“Oggettivamente siamo in una fase in cui stiamo migliorando i numeri, eppure c’è il rischio che si entri in zona rossa. Credo che sinceramente la zona rossa sia una punizione che la Lombardia non si merita, perché ha fatto tanti sacrifici in questo periodo, i cittadini si sono comportati molto bene e la zona rossa è estremamente penalizzante”, ha aggiunto Fontana, per il quale “c’è qualcosa che non funziona in come vengono fatti i conti e nella determinazione dei parametri, che secondo me bisogna rivedere”.

“Queste sono le critiche che ho sostenuto parlando con il ministro Speranza. Il vero problema è che il conteggio dell’Rt è una cosa estremamente opinabile e poi si riferisce a dati vecchi e se c’è stata un’evoluzione, di questa non si tiene conto”, ha aggiunto. “Speranza mi ha risposto che farà fare ancora dei controlli, che audirà il Comitato tecnico per rivalutare la situazione”.



Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi