Seleziona una pagina
Condividi

Ha insegnato per oltre venti anni alle scuole medie inferiori in diversi istituti di Varese, ma senza avere una laurea, requisito obbligatorio per la docenza sia di ruolo che di supplenza in scuola secondaria di I grado. La prof truffatrice è stata incastrata dalla Guardia di Finanza del Comando provinciale di Varese che, su delega della Procura, ha dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo per un totale di circa 350 mila euro tra beni e denaro, somma riferibile a stipendi, somme erogate dall’Inps a titolo di indennità di disoccupazione e Tfr.

La professoressa, 50 anni, è stata denunciata all’autorità giudiziaria per truffa e per uso di atto falso: avendo ottenuto l’inserimento nelle Graduatorie provinciali di supplenza a partire dall’anno 2000, la donna ha effettuato in via continuativa supplenze di durata annuale in diversi istituti scolastici della provincia avvalendosi del falso diploma di laurea. Secondo quanto ricostruito dalle Fiamme Gialle, l’insegnante “non si era nemmeno mai iscritta presso l’università in cui, come lei attestava, aveva conseguito una laurea con 110 e lode”.

La Guardia di Finanza ha fatto visita alla prof nei primi giorni del nuovo anno, dando seguito al decreto di sequestro preventivo e notificandole gli atti di indagine. Le attività della polizia economico-finanziaria hanno permesso di quantificare il patrimonio accumulato illecitamente dall’indagata, un totale di circa 350 mila euro.

La magistratura di Varese ha ordinato il sequestro di risorse finanziarie pari a 166 mila euro, presenti su depositi e conti correnti bancari della prof indagata. Inoltre, sono stati sequestrati otto terreni, due box, due depositi, un appartamento da nove vani, un autoveicolo e un motoveicolo. In caso di condanna, i beni saranno confiscati.


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi