Seleziona una pagina
Condividi

Il dibattito relativo al green pass si fa sempre più acceso. Da domani scatta il decreto che estende l’obbligo del certificato verde anche ai lavoratori del settore pubblico e privato. Una mossa del governo che però ha scatenato diverse reazioni nelle piazze d’Italia, sfociate a Roma in un assalto alla Cgil e scontro con le forze dell’ordine. Gli animi si surriscaldano anche nelle trasmissioni televisive, così come ha dimostrato l’ultima puntata di Non è l’arena su La7. Massimo Giletti ha ricostruito quanto accaduto sabato pomeriggio e ha invitato in collegamento Marco Liccione, tra i partecipanti alla manifestazione anti-green pass, con cui ha avuto un durissimo scontro.

“Siete da Tso”

Il giornalista ha mandato in onda alcune immagini dei tafferugli andati in scena tra i manifestanti e gli agenti in servizio. L’ospite non ha voluto fornire la sua ricostruzione dell’assalto alla Cgil perché sostiene di non essere stato presente in quel preciso momento: “Io non sono andato lì e non posso parlare. Io sono andato a Palazzo Chigi“. Ed è proprio qui che è scattata la prima miccia di Giletti, che ha sbottato in diretta contro Liccione: “Per lei è normale assaltare Palazzo Chigi? Ma io non lo so… Siete da Tso! Lo capite?“.

“Tornate coi piedi per terra”

La domanda del conduttore è stata sempre la stessa: come mai la piazza, una volta finita la manifestazione, non si è sciolta ed è tornata a casa pacificamente? La spiegazione fornita da Liccione è stata la seguente: ha raccontato che sarebbe stata fatta una richiesta democratica alle forze dell’ordine per essere ascoltati dal governo. “Volevamo anche una semplice chiamata da loro, che ci ascoltassero anche in modo negativo“, ha spiegato l’ospite. A questo punto è partita l’altra sfuriata di Giletti che, sconcertato, si è così rivolto al manifestante anti-green pass: “Scusi, ma pensa che Draghi la chiami in quel momento? Ma come si può pensare una roba del genere? Mi scusi, tornate con i piedi per terra“.

L’ospite se ne va

Il conduttore di Non è l’arena ha poi incalzato il manifestante, chiedendogli più volte cosa avesse da spartire con Forza Nuova. Le risposte però sono state vaghe e non dirette. Ecco perché il giornalista ha perso di nuovo la pazienza: “Ma mi prende in giro? Lo sente l’italiano? Si svegli!“. In conclusione di un blocco della puntata, Giletti ha invitato Liccione a fare il suo ultimo intervento. L’ospite però, visibilmente irritato, ha criticato il conduttore prima di alzarsi e abbandonare il collegamento: “Non ho potuto parlare, non ho potuto parlare“.



Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi