Seleziona una pagina
Condividi

(Adnkronos)

La Lombardia deve essere collocata in zona arancione. Lo evidenziano i dati all’esame della Cabina di regia, ancora riunita. Abbiamo sempre fornito informazioni corrette”. Lo sostiene il presidente della Regione, Attilio Fontana, in un tweet. “A Roma devono smetterla di calunniare la Lombardia per coprire le proprie mancanze”, sottolinea, in riferimento alla notizia del Corriere secondo cui la Lombardia avrebbe sbagliato il calcolo dell’Rt, facendola finire in zona rossa.

E le indiscrezioni di stampa fanno montare la protesta delle opposizioni in regione. “Chiusi per un errore di Regione Lombardia? Paghino i danni a imprese, lavoratori e studenti”, attacca subito il capogruppo del Movimento Cinque Stelle, Massimo De Rosa. “Regione Lombardia risponda di questo imperdonabile errore e paghi i danni a tutte quelle imprese, a tutti quei lavoratori, a tutti quegli studenti che stanno subendo sulla propria pelle gli effetti dell’incapacità di questa Giunta”. E ancora: “Se la notizia fosse confermata il Movimento Cinque Stelle valuterà se intraprendere in tal senso un’azione legale nei confronti della Giunta di centrodestra. Sarebbe gravissimo”.

“Fontana e Moratti spieghino subito e in modo convincente se da una settimana siamo in zona rossa perché la Regione Lombardia ha sbagliato a calcolare l’RT. Inutile dire che sarebbe un errore molto grave, che ha avuto ricadute pesanti sulla vita dei lombardi, sugli studenti che non sono andati a scuola, sui ristoratori e sui negozianti che hanno dovuto tenere chiuse le loro attività”, dice per il gruppo regionale del Pd il capodelegazione in commissione sanità Samuele Astuti.

“Se, dopo giorni di polemiche e di ricorsi, la responsabilità della serrata fosse della Regione, Fontana dovrebbe perlomeno chiedere scusa pubblicamente e con lui tutti gli esponenti del centrodestra regionale che hanno accusato il Governo di aver voluto affossare la Lombardia e la sua economia”, conclude Astuti.



Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi