Seleziona una pagina
Condividi

Nel dibattito interno al Movimento 5 Stelle sull’eventualità di sostenere un governo presieduto da Mario Draghi, si inserisce Alessandro Di Battista. In un post su Facebook, l’esponente pentastellato si rivolge al movimento e le sue non sono esattamente parole pro Draghi: «Le pressioni saranno fortissime. Vi accuseranno di tutto. Di essere artefici dello spread. Di irresponsabilità. Di blasfemia perché davanti all’Apostolo Draghi non vi siete genuflessi. Voi non cedete».

Leggi anche > Mario Draghi accetta con riserva. Cosa può succedere da domani

«Questa “manovra” è stata pensata ad hoc per indebolire il Movimento e plasmare il Recovery ad immagine e somiglianza di Confindustria. Non cedete. Dovranno farcela con le loro forze, non con il nostro avallo. La linea era chiara ed era sostenuta dalla maggior parte degli italiani: Sì Conte Presidente del Consiglio e NO Renzi al governo. Qualsiasi sostegno (diretto, indiretto o mascherato) ad un governo Draghi diventerebbe un NO Conte Presidente del Consiglio e Sì a Renzi. Ovvero a colui che ha creato tutto questo. È inaccettabile», conclude.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Febbraio 2021, 22:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi