Seleziona una pagina
Condividi

(Adnkronos)

Da mercoledì scorso è di nuovo ricoverato nell’ospedale San Giuseppe di Empoli (Firenze) Iacopo Melio, consigliere del Partito democratico nel Consiglio regionale della Toscana, che era stato dimesso dal nosocomio nei primi giorni di gennaio dopo il precedente ricovero per Covid a metà dicembre. “Faranno esami e accertamenti per capire alcune cose legate ai sintomi del Covid, che continuano ad essere forti, e ad una perdita di peso importante che dovrò tenere sotto controllo e recuperare il prima possibile, ritornando a mangiare cibo normale, dato che al momento è più di un mese che vado avanti soltanto a integratori liquidi, a causa della tosse e di problemi di deglutizione”, ha scritto oggi su Facebook il 28enne fondatore della onlus #vorrei prendereiltreno.

“Ci vorrà tempo e pazienza per recuperare ciò che ho perso. E io mi sento molto Peter Griffin quando, di punto in bianco, si dimentica addirittura come ci si mette seduti – continua Melio nel suo post – Ma lo recupereremo e tutto questo finirà, prima o poi, al di là delle cicatrici che potranno rimanere: e noi torneremo a festeggiare a suon di schifezze e maionese, creando assembramenti meravigliosi dopo la pandemia che sarà diventata un tanto brutto quanto rassicurante ricordo”.

“Non sopporto dare bollettini medici personali, ma visto che credevo di poter ricominciare a lavorare, seppur gradualmente, verso la metà di febbraio, ho voluto aggiornarvi per dire che molti appuntamenti ‘programmati in testa’ saranno ancora posticipati – scrive ancora il giovane consigliere regionale campione di preferenze – Non vedo l’ora di tornare attivo al cento per cento, ho un sacco di progetti, idee e proposte da portare avanti che, nei momenti di tregua, fioriscono come non mai. Nel frattempo continuo a fare ciò che posso a distanza, attraverso anche l’aiuto di fidati collaboratori e dei colleghi consiglieri in prima linea”.

“Concludo ringraziandovi per i pensieri e l’affetto costante, che di certo non mi fa sentire solo. E soprattutto grazie ancora, di cuore, al primario Luca Masotti e a tutto il personale sanitario del reparto 5A3 del San Giuseppe di Empoli, perché mi stanno seguendo in queste montagne russe faticose in modo attento, premuroso e professionale. Un abbraccio, e fate a modino, che è una brutta bestia e dobbiamo vincere noi”, termina Melio il suo post.



Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi