Seleziona una pagina
Condividi

Covid: gli anestesisti si dicono preoccupati per l’aumento dei ricoveri in rianimazione, specialmente in alcune zone d’Italia, ma per il momento il sistema sanitario sta reggendo.

Leggi anche > Bryan Adams atterra a Milano e lo scoprono positivo al Covid: «E’ la seconda volta che mi capita»

Lo ha dichiarato, all’AdnKronos Salute, Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi-Emac), facendo il punto della situazione epidemiologica. «C’è un aumento dei ricoveri nelle terapie intensive, ci preoccupano soprattutto il Friuli Venezia Giulia e la provincia di Bolzano» – spiega Vergallo – «Ma il fatto che sia un trend lineare e non esponenziale, come è accaduto nello stesso periodo dello scorso, ci lascia ben sperare una crescita lenta e lineare. Il sistema quindi per ora tiene e abbiamo fiducia nelle nuove misure».

Sul possibile arrivo a breve del picco degli accessi in rianimazione, «non possiamo dirlo – avverte – vediamo come vanno le prossime settimane». Gli anestesisti avverto però che un aumento dei ricoveri Covid in terapia intensiva ha «una ripercussione sulle attività non-Covid, a soffrire sono gli indici di erogazione di salute per i pazienti che attendono interventi e cure», conclude Vergallo. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Novembre 2021, 19:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi