Seleziona una pagina
Condividi

(Adnkronos)

In Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore si sono registrati 1.178 nuovi contagi da Covid-19 su un totale di 15.833 tamponi eseguiti. Purtroppo, si registrano 66 nuovi morti: 6 a Piacenza (tre donne di 88, 89 e 94 anni, e tre uomini di 72, 84, 96 anni); 2 in provincia di Parma; 3 in provincia di Reggio Emilia; 11 nel modenese; 22 in provincia di Bologna; 3 nel ferrarese; 9 in provincia di Ravenna; 4 a Forlì-Cesena; 5 nel riminese. Infine, si segnala il decesso di un uomo di 71 anni diagnosticato dall’Ausl di Bologna ma residente in provincia di Macerata. In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 8.520.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 205 nuovi casi; a seguire Reggio Emilia (168); Rimini (166); Ferrara(144), Ravenna (143); poi Piacenza (86); Modena (79); Cesena (61). Quindi il territorio di Forlì (54), Parma (40) e infine Imola(32). Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 15.833 tamponi, per un totale di 2.737.403. A questi si aggiungono anche 557 test sierologici e 7.980 tamponi rapidi effettuati da ieri.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 3.324 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 129.073. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 57.980 (-2.212 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 55.072 (-2.153), il 95% del totale dei casi attivi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 229 (-8 rispetto a ieri), 2.679 quelli negli altri reparti Covid (-51).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 15 a Piacenza (+1 rispetto a ieri); 14 a Parma (+1); 17 a Reggio Emilia (numero invariato rispetto a ieri); 48 a Modena (-4); 41 a Bologna (-6); 15 a Imola (-1); 28 a Ferrara (invariato); 15 a Ravenna (invariato); 4 a Forlì (invariato); 6 a Cesena (invariato) e 26 a Rimini (+1).



Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi