Seleziona una pagina
Condividi

Un’enorme frana di massi è caduta oggi pomeriggio su un albergo di Bolzano, l’hotel Eberle, distruggendone un’intera ala. Per fortuna non ci sarebbero vittime né feriti, in base a quanto già comunicato dai soccorritori. Sul posto, dopo l’allarme scattato alle 15, si sono precipitati ambulanze, vigili del fuoco, carabinieri. Necessario anche l’intervento del Soccorso alpino, visto che l’albergo si trova sulle pendici di monte Tondo, in una posizione panoramica, da cui domina tutta la conca del capoluogo altoatesino, rispetto alla quale si trova una settantina di metri più in alto.

Chiuso per il Covid

Proprio per questa sua posizione, immersa nei vigneti della zona Santa Maddalena, dai quali si ricava l’omonimo vino, l’Eberle, di proprietà della famiglia del giocatore di kockey Stefan Zisser, è uno degli alberghi più famosi di Bolzano e di tutto l’Alto Adige. La roccia che si è staccata dalla montagna è piombata sul salone delle feste della struttura. La frana ha causato danni ingenti, ma per fortuna nessuna persona è rimasta coinvolta, visto che la struttura era chiusa al pubblico a causa dell’emergenza Covid. «Questo ha evitato una tragedia» dicono i soccorritori. Al momento della frana nei locali dell’hotel si trovavano 7 persone, tutti componenti della famiglia Zisser, rimasti illesi

Le precipitazioni

Sono comunque ancora in corso le verifiche da parte dei soccorritori, così come i geologi di Comune e Provincia stanno effettuando un sopralluogo per cercare di dare una prima spiegazione all’improvviso cedimento. La frana sarebbe stata causata dalle eccezionali precipitazioni nevose degli ultimi giorni registrate a Bolzano, come in tutto l’Alto Adige e più in generale nel Nordest. Da alcune settimane le passeggiate di Sant’Osvaldo, che terminano proprio nei pressi dell’albergo, sono già state chiuse per alcune frane di piccole dimensioni. La zona dell’hotel Eberle è ora sorvolata anche da un elicottero della Guardia di Finanza.

5 gennaio 2021 (modifica il 5 gennaio 2021 | 18:40)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi