Seleziona una pagina
Condividi

(ANSA) – ROMA, 14 GEN – C’è la disponibilità dei medici di
base e pediatri a effettuare le vaccinazioni nelle prossime
fasi, “elemento di importanza strategica per arrivare, nel minor
tempo possibile, alla più ampia copertura della popolazione”. Lo
riporta una nota della Regione riferita al vicegovernatore con
delega alla Salute, Riccardo Riccardi, diffusa ieri in tarda
serata. “Questa positiva disponibilità dovrà tenere conto della
sostenibilità nella catena del freddo e la scelta della gestione
commissariale nazionale”.
    “I dati in nostro possesso – ha detto Riccardi – ci dicono
che saranno circa 100 mila gli ultraottantenni ai quali potrà
essere inoculato il vaccino, al quale si aggiungono circa altre
3 mila persone con disabilità”. “Ora – ha concluso – attenderemo
di conoscere come proseguire la campagna a partire dal flusso di
consegna dei vaccini alla regione per completare la prima fase e
iniziare la seconda”.
    Intanto oggi, come riportato dalla Regione, in Friuli Venezia
Giulia su 7.969 tamponi molecolari sono stati rilevati 705 nuovi
contagi ai quali si aggiungono 100 casi già risultati positivi
al tampone antigenico nei giorni scorsi e confermati da test
molecolare, con una percentuale di positività del 10,1%. Sono
inoltre 1.804 i test rapidi antigenici realizzati e in cui sono
stati rilevati 480 nuovi casi (26,6%). I decessi registrati sono
stati 23, ai quali si aggiungono 2 morti pregresse afferenti al
periodo tra il 5 e il 7 gennaio 2021. I ricoveri nelle terapie
intensive sono scesi a 68 (ieri 69) mentre quelli in altri
reparti sono 668 (ieri 665). I decessi complessivamente
ammontano a 2.006, I totalmente guariti aumentano a 42.494, i
clinicamente guariti salgono a 1.229, mentre le persone in
isolamento sono 12.127. Da inizio pandemia i casi da tampone
molecolare sono 58.592. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi