Seleziona una pagina
Condividi

Saggista, scrittrice, accademica. Era tante cose Rosa Giannetta Alberoni, scomparsa ieri a 75 anni nella sua casa milanese. Una doppia anima, la sua, di studiosa di sociologia e comunicazioni e di narratrice, a lungo al fianco di Francesco Alberoni, il sociologo suo compagno di vita che aveva sposato nel 1988 e poi di nuovo anni dopo, nel ’99, questa volta in chiesa.

La versatilità come cifra esistenziale

Nata a Trevico, Avellino, nel 1945 da una famiglia contadina, la formazione di Rosa Giannetta (firmava dall’88 anche con il cognome del marito) si lega a Milano e alla Iulm, dove si laurea nel 1974 in Lingue e letterature straniere, dove ottiene i primi incarichi come docente e dove poi insegnerà fino al 2006, presso la cattedra di Sociologia generale. Un approdo, la sociologia e la docenza, raggiunto dopo aver sperimentato prima altre vie, mai del tutto abbandonate, come la regia teatrale, il cinema. E la versatilità resterà sempre una cifra della studiosa: lavorerà alla Fondazione Rizzoli, poi scriverà sui giornali — tra cui «Sette» — , continuerà l’attività teatrale.

L’amore per la storia e la filosofia

Da studiosa, dopo le iniziali ricerche sui giovani e sul linguaggi, si era concentrata nell’ultimo trentennio sul terreno teorico, filosofico e sociologico prendendo in esame le concezioni della storia dei maggiori pensatori, da Giambattista Vico a Popper. Un lavoro di anni confluito ne Gli esploratori del tempo, pubblicato da Rizzoli nel 1994, e poi nei saggi Hegel sociologo nostro contemporaneo (2000), La ricerca sociologica sulle emozioni e i consumi degli anziani (2001), Persona e comunicazione(2005), Miti e cambiamento sociale(2005).

La vena di narratrice

In parallelo, la carriera di narratrice, cominciata con un romanzo storico,L’orto del paradiso, pubblicato da Rusconi nel 1989 e poi da Mondadori. Il libro — una saga ambientata in età napoleonica fra il Regno di Napoli e Milano — le aveva regalato il primo successo di pubblico. Ancora una saga — quella di una famiglia che si muove fra la Versilia e Milano — è il perno diSinfonia(Rizzoli, 1999). Seguono, sempre per Rizzoli, La montagna della luce, il romanzo confessioneIo voglio, Paola e Francesca.

I temi religiosi

Sul fronte filosofico, lo studio dello sviluppo della secolarizzazione e dell’anticristianesimo in Europa sfocia nel saggio La cacciata di Cristo (Rizzoli, 2006), che porta Giannetta Alberoni al centro di qualche polemica come anche, l’anno dopo,Il Dio di Michelangelo e la barba di Darwin(Rizzoli): una critica dell’ideologia darwinista usata come strumento di propaganda ateista anticristian

4 gennaio 2021 (modifica il 4 gennaio 2021 | 08:49)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi