Seleziona una pagina
Condividi

Roma, 18 gen. (Adnkronos)

Con la crisi dovuta al coronavirus, sempre più persone ricorrono ai vari negozi di ‘Compro Oro’ per vendere preziosi, tra cui gioielli di famiglia e orologi. Un aumento vertiginoso del fenomeno che, secondo i dati del Codacons, è cresciuto del 50% rispetto al periodo pre-pandemia. Durante la prima ondata, molte le persone che preferivano impegnare i loro averi, con la certezza, un giorno, di riuscire a riscattarli. “Adesso, anche se può sembrare paradossale, siamo in crisi pure noi – dice all’Adnkronos la titolare di un negozio di pegni – durante i primi mesi di lockdown il nostro settore aveva registrato un aumento notevole di clientela e in tanti venivano ad impegnare i loro preziosi. Ora, però, con l’incertezza sulla fine della crisi e la difficoltà a riscattare i beni impegnati per mancanza di soldi, la gente preferisce rivolgersi ai compro oro”.

“La situazione è drammatica, si vende tutto ciò che si possiede – spiega all’Adnkronos il presidente del Codacons Carlo Rienzi – l’unica cosa che si può fare è vigilare affinché le valutazioni fatte dagli esercenti non siano inferiori al bene che si sta vendendo. Noi abbiamo chiesto alla Guardia di Finanza di vigilare, perché – aggiunge Rienzi – sembrerebbe che molti operatori si stiano approfittando della situazione. La gente ha fame e ha bisogno di liquidità”.

“Un esempio concreto? Prima dell’estate una ragazza di Roma – racconta il presidente del Codacons – dopo aver perso il lavoro ha deciso di cedere il proprio Rolex del valore di 5.000 euro, vedendosi riconoscere solo 2.200 euro, nonostante quel tipo di orologi, è noto, mantenga il valore nel tempo”. “E’ naturale che il nostro lavoro in questo periodo emergenziale stia vedendo una crescita in termini di incassi – ammette all’Adnkronos Cristina, proprietaria di un Compro Oro a Roma – ma l’importante è essere corretti nelle varie valutazioni. In questo momento possiamo dare una mano a chi è in difficoltà”.


Fonte originale: Leggi ora la fonte


Condividi